Aiutaci a curarli tutti...nessuno escluso!

Alba è risultata positiva alla Filaria

La protagonista della campagna 2018 di Save the Dogs per il contrasto di filaria e leishmania è Alba una cagnolina il cui lieto fine è stato reso possibile dai nostri donatori.

Quando l’abbiamo soccorsa, infatti, Alba era affetta da uno stadio avanzato di filaria e senza di noi non sarebbe sopravvissuta. Grazie alle cure ricevute, ora vive in Italia amata e coccolata da una vera famiglia.

Abbiamo voluto che i cani di Footprints of Joy e tutti quelli che salveremo nei prossimi mesi avessero le stesse possibilità di Alba, nessuno escluso.

Per fare questo abbiamo chiesto il vostro aiuto per proteggerli da filaria e leishmania e curare quelli che salveremo dalla strada.

Grazie a voi, al nostro partner Hundjalpen e alla fondazione svizzera che ha raddoppiato tutte le donazioni fino a 25.000 euro abbiamo raccolto oltre 59.000 euro!

OBIETTIVO RAGGIUNTO!

 

Cos’è la filaria?
La filariosi è una malattia parassitaria che si trasmette da un cane malato a uno sano attraverso la puntura di una zanzara. La forma più grave è la filariosi cardio-polmonare, causata dal parassita Dirofilaria immitis, che se non riconosciuta e curata risulta letale per l’animale. La malattia viene contratta in genere nel periodo nel quale sono presenti le zanzare, approssimativamente da aprile a ottobre. Il cane può non presentare sintomi anche per molti mesi, fino a quando il cuore, ormai infestato dalla presenza delle filarie (il verme adulto può raggiungere anche la lunghezza di 15 cm) inizia a manifestare dei problemi. Nella filariosi in stadio avanzato il cane è inappetente, dimagrito, fortemente affaticato e manifesta dispnea, tosse e anemia. Ampiamente diffusa in molte regioni italiane la filariosi è presente in Romania solo da pochi anni.
Cos’è la leishmania?
La leishmaniosi è una malattia infettiva e contagiosa, trasmessa dalla puntura dei pappataci, generalmente più attivi tra maggio e ottobre. È una malattia cronica particolarmente grave, che provoca al cane danni progressivi fino ad arrivare alla morte. In Italia è molto diffusa in particolare nelle aree litoranee e del Centro-Sud. Solo da pochi anni, la patologia ha cominciato a manifestarsi anche nella zona della Romania in cui operiamo.