noscript
D
O
N
A

O
R
A

Progetto equini

Scopri la loro nuova vita
I cavalli di Costanza sono salvi!

Dopo 3 settimane di trattative con le autorità rumene, grazie alla pressione che abbiamo potuto esercitare con le oltre 4.000 firme raccolte, siamo riusciti ad ottenere un risultato straordinario!

I cavalli di Costanza sono salvi! Nei giorni scorsi 10 di loro, i più anziani e in condizioni di salute più critiche, hanno raggiunto il nostro Rifugio Footprints of Joy, mentre i restanti 13 sono stati accolti in una riserva naturale sul Danubio.

Durante queste tre settimane, non abbiamo mai lasciato soli questi cavalli. Ci siamo presi cura di loro portando cibo e cure, abbiamo sperato di trovare una soluzione per tutti.

Abbiamo vissuto lo sconforto quando due di loro non ce l’hanno fatta, ma ora siamo orgogliosi di aver trovato una soluzione per tutti.

Save the Dogs è stata l’unica organizzazione ad aver trovato una sistemazione per questi cavalli insieme alle autorità che proprio nei giorni passati hanno riconosciuto il grande lavoro svolto dalla nostra organizzazione e plaudito al nostro centro Footprints of Joy, un modello di Rifugio per tutta la Romania.

I cavalli di Costanza accolti a Footprints of Joy

I cavalli hanno imparato a conoscerci in queste settimane e sono fiduciosi: ci hanno seguito senza esitazioni e sempre senza esitazioni sono saliti sul trailer, la testa subito abbassata per cercare il fieno che gli abbiamo fatto trovare in segno di benvenuto.

Abbiamo fatto più viaggi per poterli portare tutti al nostro Rifugio, e ora che sono al sicuro, ci attende un lungo percorso di recupero delle loro forze fisiche.

Sono cavalli che hanno esigenze speciali, sono molto deboli e per i quali non abbiamo una storia clinica e dobbiamo rimetterli in salute’“, così ha commentato la nostra veterinaria Roxana Bratu.

Le spese sono tante, oltre al cibo e alle cure mediche, perché dovremo anche costruire due nuove stalle dove i cavalli vivranno e che si andranno ad aggiungere alle tre già esistenti.

Per questo contiamo ancora una volta sulla generosità di chi ci ha sostenuto fino ad ora per poterci prendere cura di questi cavalli per il resto della loro vita.