noscript

La vita a catena non è vita

È maltrattamento

Firma la petizione per chiedere multe severe per chi incatena un cane in Campania! Hanno firmato già 8.200 persone.

Chiedi alla regione Campania di rendere effettivo il divieto di detenzione dei cani a catena introducendo sanzioni severe per chi lo viola!

MULTE PER CHI DETIENE IL CANE A CATENA IN CAMPANIA

Caro Governatore De Luca,

siamo lieti che la Legge Regionale campana 11 aprile 2019 n. 3 sulla tutela del benessere degli animali e prevenzione del randagismo vieti tassativamente “la detenzione di animali d’affezione a catena o ad altro strumento di contenzione similare”: la Campania è l’unica Regione del Mezzogiorno ad avere una legislazione così avanzata ed è giusto esserne fieri!

La legge però è “monca”, perché non sono state indicate sanzioni per coloro che violano la norma, e sappiamo che purtroppo la catena è una pratica ancora molto diffusa nella sua regione, come in altre del nostro paese.

Proprio in virtù della legislazione esemplare della Campania, le chiediamo di fare un ulteriore passo avanti, introducendo una sanzione proporzionata alla gravità del fatto, che sia utile alla prevenzione della detenzione dei cani alla catena, sulla base di quanto già previsto, ad esempio dalla legge regionale della regione Umbria 10/2016 (da euro 150 a 900) o dalla legge regionale della regione Puglia 2/2020 (da euro 500 a 1500).

Glielo chiedono migliaia di cittadini Campani e non, nella speranza che altri Governatori seguano il suo esempio e che tutte le autorità preposte si impegnino a far applicare la legge.

Cordiali saluti,

Green Impact
Save the Dogs and other Animals

%%la tua firma%%

Condividi con i tuoi amici:

   

LA VITA A CATENA È MALTRATTAMENTO

Un cane continuamente legato con una catena o una corda, è un essere vivente a cui viene negato il soddisfacimento delle proprie esigenze fondamentali, come la libertà di movimento e l’interazione sociale.

Eppure legare un cane ad una catena, magari per tutta la durata della sua vita, oggi è ancora legale in gran parte d’Italia. Una situazione inaccettabile.

Da quanto emerge nel Rapporto Verso il divieto di tenere i cani alla catena in Italia ci sono regioni che sulla carta appaiono “virtuose”, come la Campania, che vieta chiaramente la detenzione dei cani a catena, ma se si approfondisce si scopre che nel regolamento regionale non sono previste sanzioni, rendendo la norma sostanzialmente inutile. Come molti di voi sanno, infatti, trovare un cane costretto alla catena è cosa comune purtroppo in Campania e grande è la frustrazione di chi assiste impotente a questo genere di situazioni.

Per questo Save the Dogs lancia la prima petizione verso il divieto della pratica di tenere i cani alla catena, rivolgendosi in primis alla regione Campania, dove il divieto esiste ma non le sanzioni.

 #LiberiDalleCatene! FIRMA LA PETIZIONE 

LA NOSTRA RICHIESTA

Save the Dogs opera da due anni sul territorio campano con il progetto di sterilizzazioni #Nonunoditroppo. Per questo in virtù del rapporto che abbiamo con le istituzioni, vogliamo portare all’attenzione del Governatore della Campania l’urgenza e la necessità di modificare il regolamento regionale affinché il divieto diventi sostanziale con l’introduzione di sanzioni efficaci.

Aiutaci a far pressione sul Governatore della Campania affinché cambi le regole.

  FIRMA LA PETIZIONE 

LA VITA A CATENA NON È VITA.
È MALTRATTAMENTO

Per un cane, essere trattenuto da una catena o una corda è una situazione di grande stress e vulnerabilità.

È una privazione della fondamentale libertà di movimento e della capacità di esprimere comportamenti normali, come mettersi al riparo da una minaccia reale o presunta.

I cani costantemente tenuti alla catena o altrimenti confinati sono soggetti a depressione, ansia e disfunzioni cerebrali.

Tenere un cane costantemente alla catena significa tenerlo “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”, una situazione in cui i bisogni fondamentali del cane vengono addirittura dimenticati e che sfocia nella sofferenza e a volte nella morte dello stesso.

SCARICA IL RAPPORTO DI GREEN IMPACT E SAVE THE DOGS PER SAPERNE DI PIU’

Save the Dogs and other Animals

C.F. 97394230151

Indirizzo: Via V. Pareto, 36 20156 Milano
Recapiti: Tel. +39 0239445900 – Fax +39 0230133300
Orari apertura ufficio: dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.00

Seguici su: